COMUNICATO STAMPA

Il Servizio Fitosanitario Regionale ha rinvenuto in Toscana la presenza di Aleurocanthus spiniferus, un insetto attualmente classificato come Organismo Nocivo rilevante per l’Unione (ai sensi dei Regg. UE 2031/2016 e 2072/2019 relativi alla materia fitosanitaria). Risultano colpite principalmente le piante di agrumi (limone, arancio, pompelmo, mandarino), ma anche rosa, edera, pyracantha, prunus laurocerasus, pero e melo coltivati nei terrazzi, giardini privati e aree verdi pubbliche.

Il primo focolaio era stato individuato nel 2020 nell’area urbana del comune di Prato e nel 2021, a seguito di segnalazioni e indagini svolte, sono stati individuati ulteriori focolai anche nel territorio comunale di Carrara. Nel 2023 le indagini svolte hanno confermato l’ulteriore espansione dei focolai già individuati e il ritrovamento di un ulteriore focolaio nell’area urbana di Pisa.

Con apposito decreto, il Servizio Fitosanitario Regionale ha aggiornato le aree delimitate in cui l’infestazione è presente: ogni area è comprensiva di un’area cuscinetto con un’estensione di 2 km oltre l’area del focolaio, dove si concentrerà l’attività di sorveglianza. All’interno di tali aree (pubblicate sul portale FitoSIRT – Regione Toscana) il Servizio Fitosanitario Regionale garantirà l’applicazione delle misure fitosanitarie previste dal Reg. UE 2022/1927 e contenute nello specifico “Piano di Azione per la prevenzione e il contenimento dell’aleurodide Aleurocanthus spiniferus (Quaintance) sul territorio della Regione toscana”, indirizzate alla popolazione e agli operatori professionali (vivaisti, giardinieri, commercianti del verde,ecc.).

Lo stesso decreto determina le misure specifiche di contenimento dell’organismo indirizzate sia alla popolazione che agli operatori professionali: in particolare, è previsto l’obbligo di rimozione e distruzione delle piante infestate o parti di esse all’interno dell’area focolaio e l’obbligo di trattamenti insetticidi e protezione fisica delle piante (per gli operatori professionali).

Il Servizio Fitosanitario ha avviato un’azione informativa nei confronti della popolazione e degli operatori professionali predisponendo una scheda tecnico-informativa sull’organismo nocivo. L’attività di monitoraggio proseguirà nell’area delimitata, con particolare attenzione all’area cuscinetto.

Maggiori informazioni sul sito del Servizio Fitosanitario della Regione Toscana e sul sito del Comune web.comune.carrara.ms.it

Share.
Micol Giusti

Caporedattrice - Online Editor Massa Carrara News

Leave A Reply

Exit mobile version
Back to Top