Redicesi, Gronda, Casania, Guadine: frazioni che crescono nella valle attraversata dal torrente Renara, a pochi chilometri dalla città, a dieci minuti dal centro, potrebbe essere una prima periferia. Luoghi dimenticati:

“Tante sono le problematiche emerse durante la mia visita in quei paesi, insieme alla consigliera Giovanna Santi – riporta il consigliere comunale, Daniele Tarantino -. Al primo posto si mette il problema della sicurezza.
Spesso sulla carreggiata piombano sassi, anche di notevoli dimensioni. Recentemente, a seguito di una mia segnalazione, è stato rimosso un enorme masso che ostruiva il viottolo che da Guadine porta a Casania, utilizzato soprattutto per raggiungere il cimitero e la chiesa parrocchiale. E anche qua è andata bene: il grande masso avrebbe potuto piombare sulla carreggiata dove transitano i mezzi.
Non solo spesso le strade, hanno continui cedimenti, a causa della mancata manutenzione.
Tuttavia la sicurezza non è garantita a causa, appunto, della caduta massi e di piante ad alto fusto che si staccano dai versanti”.

Altre problematiche come la mancanza di manutenzione e di decoro: cassonetti rotti, pulizia scadente.

“E permane il problema della telefonia mobile: all’interno delle abitazioni il cellulare non funziona e, in caso di temporale o vento, la linea fissa salta lasciando così isolate tante famiglie. La gente – aggiunge Tarantino – chiede maggior attenzione per l’ambiente, maggior riguardo per i servizi di base che spesso mancano. Nella Valle del Renara si sopravvive e dovremmo ringraziare quei cittadini che mantengono vive quelle frazioni. Le amministrazioni dovrebbero avere un occhio di riguardo per disincentivare il fenomeno dell’abbandono che colpisce i nostri borghi.

Ma poi, i paesi della Valle del Frigido e del Renara sono ricchi di storia e di tradizioni e, grazie a una buona promozione culturale, potrebbero diventare motivo di visita”.

Share.
Micol Giusti

Caporedattrice - Online Editor Massa Carrara News

Leave A Reply

Exit mobile version
Back to Top