A Enea Sambinello, della Vangi il 48° Gp Liberazione di Massa, corsa categoria Juniores di 129 chilometri e con ben quattro salite da scalare più quella breve ma insidiosa del finale alla Rocca, alle spalle del castello Malaspina.

Alla partenza erano 178 gli atleti in gara e bisogna dire che malgrado la durezza del percorso oltre cinquanta sono arrivati sul traguardo. In una giornata che alla fine è risultata perfetta nuvoloso al mattino e fino alla partenza poi splendido sole, ha sicuramente rispettato lo spettacolo lungo le impegnative salite storiche della zona, con quella dell’Evam che in alcuni punti sfiora il 19 percento. Infatti al secondo giro sono andati in fuga una decina di atleti con Lombardi, Zanotto Simonetti, Capello, Agostinacchio, Marangoni, Morlino, Campane. Poi è cominciata la bagarre con continui scatti che alternavano la testa. Ancora cambiamenti in discesa ma Agostinacchio continuava a comandare poi nel tratto che precede la Foce sono rimasti in tre davanti , sempre Agostinacchio con Mellano e Sambinello.

Sulla vetta della Foce transitavano in ordine Sambinbello, Mellano e Doghetti. Sulla discesa restavano da soli Mellano e Sambinello con una ventina si secondi sugli inseguitori che in questa fase erano stati riassorbiti da un gruppetto di una dozzina di unita. I due continuavano in pieno accordo e sulla lunga volata dentro il centro di Turano fra due ali di folla era l’atleta della Vangi Enea Sambinello a spuntarla su un generoso Ludovico Mellano del Team Giorgi.

Al termine su una spettacolare piazzetta con il palco ed il podio,e tutta la struttura che ha trasmesso durante la gara gli avvicendamenti sulle salite e la cronaca in diretta.

Quindi ci sono state le premiazioni, effettuate dal sindaco Francesco Persiani e dal vice Cella, dalle altre personalità presenti come il consigliere regionale Giacomo Bugliani, il presidente della provincia Gianni Lorenzetti, e la presidente Anpi Elena Cordoni che hanno consegnato le maglie dei rispettivi trofei, dal Gp della Montagna a Agostinacchio, ai due traguardi volanti, anche questi andati a Mattia Agostinacchio a confermare la sua lunga permanenza in testa alla gara.

Poi i ringraziamenti della società con il presidente Simone Cantarelli e la festa finale del popolo di Massa e Turano.

Questo l’ordine di arrivo. 1) Enea Sambinello, 2) Ludovico Mellano, 3 ) Francesco Baruzzi, 4) Mattia Stenico 5) Michele Bicelli.

Share.
Aldo Antola

Collaboratore Massa Carrara News

Leave A Reply

Exit mobile version
Back to Top