Un’altra stagione da dimenticare per i risultati del campo, e ormai sono troppe. Ora bisognerebbe lavorare sodo per la società. Nel nuovo campionato con la Massese già arrivate Real Forte, retrocesso dalla D, sono saliti dalla Promozione Viareggio, San Miniato Basso e Affrico. In più c’è la mina vagante Pistoiese che se venisse recuperata potrobbe ripartire dall’Eccellenza, visto il suo passato anche da serie A. Ma il condizionale è d’obbligo perchè troppe sono le incognite.

A cominciare da quelle della Massese. Cosa deciderà ora Gerini? Se la sentirà di continuare da solo a tirar fuori tanti soldi? Non sarebbe giusto e nemmeno sarebbe possibile, da solo, riportare la società nelle categorie che gli competono. Anche se visti gli ultimi dieci campionati bisogna smetterla di dire che gli competono. E qui entra in ballo la città, la sua struttura politica ed economica. Nel passato la società si era trovata in situazioni simili e servì l’impegno a tempo pieno dell’allora assessore allo sport ( ci sembra era Della Pina) per trovare una soluzione. E ci riusci salvando la società. Ora Gerini è andato a bussare al municipio per avere un sostegno, chiaramente non gli può essere dato economico, ma per ora soloq aulche vedremo, secondo il presidente. Non è il tempo del vedremo ma del si o no. Si può sostenere la società o no? Vedremo!

Torniamo per un momento al campionato appena concluso.

La Massese ha perso anche l’ultima occasione per far bella figura, molto distante dalla testa e vicinissima alla coda. Si dirà che nella gara di Perignano non c’era più nulla da dire anche se siamo convinti che un obiettivo c’era ancora: quello di far vincere la classifica marcatori a Buffa visto che ieri c’era lo scontro diretto con Sciapi. Indebolendo del tutto la squadra era chiaro che il confronto sarebbe stato perso. Non si può lasciar fuori Paci, Terigi, Cornacchia, Maggiari ecc. anche se era giusto dare spazio a chi non aveva avuto ancora opportunità. Ma non si possono far entrare tutte contemporaneamente le seconde linee. In settimana la società bianconera ha avuto un incontro per il sostegno con l’amministrazione ma non è emerso niente di importante. Il settore giovanile va bene ma la cosa essenziale ed importante è la prima squadra. Se hai una prima squadra forte trascina tutto il resto, dal pubblico anche al settore giovanile. Allora serve avere una prima squadra forte, in grado di dominare almeno in Eccellenza, vincere questo campionato volando. E si ritorna all’amministrazione.

Non si pretende soldi dal comune ma collaborazioni dal tessuto imprenditoriale della città. La squadra di calcio di ogni città rappresenta la sua immagine sportiva principale, e la Massese attuale malgrado Antonio Gerini non è proprio una bella immagine. Ora sembra che si tornerà a spendere qualcosa sullo stadio, ma se non si copre la tribuna ( almeno la parte centrale) resta tutto vano. Nel passato erano arrivati imprenditori, all’apparenza interessati alla Massese, ma visto l’ingresso e la tribuna hanno fatto dietro front. E pensare che il prossimo campionato potrebbe essere bellissimo con tutti i nuovi derby con Real Forte Dei Marmi, Viareggio ( con lo stadio che potrebbe essere nuovo), Pistoiese, San Miniato Basso, il Camaiore ( gli facciamo gli auguri di promuovere ai playoff) e perchè no, la Pistoiese.

 

Share.
Aldo Antola

Collaboratore Massa Carrara News

Leave A Reply

Exit mobile version
Back to Top