Apre Andromeda, la residenza che accoglie madri in difficoltà e offre loro un nuovo futuro
Giulia Firomini, presidente di Andromeda, cerca personale part time da affiancare al team di professioniste.

COMUNICATO STAMPA

Si chiama Andromeda Aps ed è una nuova comunità a dimensione residenziale, rivolta a donne con bambini o ragazze gestanti. Nata nel dicembre 2022, l’associazione ha aperto la propria struttura a Montignoso, dal nome Casa Alfa. Questa comunità vuole essere un rifugio dove accogliere madri con bambini o ragazze gestanti in difficoltà, offrendo al contempo un’occasione di riscatto lavorativo e sociale, grazie ai percorsi di formazione messi in campo da Andromeda. Come spiega la presidente della Aps la dottoressa Giulia Firomini, «Andromeda nasce dal desiderio di prendersi cura delle persone, avviando al contempo percorsi di formazione a seconda della loro predisposizione, in funzione del loro reinserimento in società». Andromeda nasce dal progetto di un gruppo di giovani donne, già attive nell’ambito sportivo e didattico con la società Sport In, per creare un luogo dove accoglienza, formazione, lavoro, attività sportive e sociali si uniscono in percorsi specifici. In questo progetto Giulia Firomini, imprenditrice apuana, non è mai stata sola. Con lei c’è un team di professioniste: Sonia Cherubini, in qualità di assistente all’infanzia e tecnico delle animazioni socio educative, l’assistente sociale Francesca Gatti e Michela Lorenzetti, psicologa. Un lavoro di squadra, ma anche in collaborazione con Sport In affinché i bambini accuditi possano avere momenti di svago e divertimento all’interno della ludoteca e dei campus estivi organizzati dalla società. Dunque non solo percorsi formativi per le madri, ma anche ludici per i bimbi stessi.

«Per noi questo deve essere uno dei principali obiettivi di una comunità a dimensione residenziale», continua Firomini: «Un luogo dove queste persone si sentano al sicuro, ma che al tempo stesso consenta loro il reinserimento in un contesto sociale e lavorativo, dando a queste madri un sostegno, sviluppando e valorizzando le loro capacità. Questo è possibile attraverso corsi di formazione con aziende specializzate sul territorio, affinché le nostre ospiti possano sviluppare le proprie predisposizioni e capacità. Per questo è nata Casa Alfa». Nel mentre per i bambini ospitati sono a disposizione i vari campus e doposcuola organizzati da Sport In, attivi tutto l’anno: la ludoteca a Ronchi, oppure i campus estivi al campo scuola di Massa, all’Apua Summer Camp nel lungomare di levante in località Cinquale e, ancora, il campus ai bagni Pupa e Mocambo. Un modo anche questo per i bimbi di poter conoscere coetanei, fare amicizia, divertirsi, essere inclusi. «È stato difficile, ma ora abbiamo aperto e per questo siamo molto soddisfatti», conclude Firomini, facendo presente che l’associazione Andromeda è alla ricerca di personale da coinvolgere in questo progetto: «Cerchiamo due educatrici con contratto part-time, con titolo abilitante in materie socio-sanitarie, che siano automunite. Queste affiancheranno la nostra assistente sociale Francesca Gatti e la nostra psicologa Michela Lorenzetti».

Share.
Micol Giusti

Caporedattrice - Online Editor Massa Carrara News

Leave A Reply

Exit mobile version
Back to Top