In uno stadio tutto esaurito ( magari avesse avuto qualche migliaio di posti in più) in una giornata fantastica la Carrarese batte con merito il Vicenza e sale di diritto in serie B. Una giornata che sicuramente resterà nella storia, che non sarà dimenticata (… io c’ero il 9 giugno 2024…) che ha prodotto gioia e festa da tutte le parti, trasmessa in tante Tv e soprattutto in tutto il mondo ed ha concretizzato un sogno di una intera città. E poi, risultato e promozione a parte, un vero spettacolo lo hanno fatto gli spettatori presenti, gli ospiti famosi e lo stesso stadio coloratissimo di giallo blu e dal biancorosso il tutto nella massima correttezza sia nel campo che sugli spalti. Al resto, per chi non era allo stadio, ci hanno pensato le immagini trasmesse dalle Tv con riprese da ogni angolo e dal cielo, non sappiamo se da droni visto che ora vanno tanto. Lo stadio intero ripreso dall’alto era uno spettacolo da solo. E la festa dopo ha coinvolto tutta la città dalle cave al mare. Presenti autorità istituzionali e sportive della provincia: la sindaca Serena Arrighi con tutta la giunta comunale, il questore Santi Allegra, il presidente della Provincia Gianni Lorenzetti, il prefetto Guido Aprea oltre ai vertici della Carrarese capeggiati dal presidente Manrico Gemignani. Presenti l’editore e presidente del Torino Urbano Cairo e il capo della commissione arbitrale Fifa Pierluigi Collina, ex arbitro.
Ed ora parliamo della gara anche se il clima, la tensione adesso è nettamente opposta a quello durante i novanta minuti. E possiamo subito dire che la Carrarese è stata superiore sia a Vicenza che oggi allo stadio dei Marmi. Come partita non è stata proprio bellissima, poche le azioni da rete e poche anche le ammonizioni, diretta bene anche per la correttezza dei giocatori. Una gara che ha mostrato timore delle squadre per il risultato anche se è stato sbloccato subito dopo 5 minuti. Poi col passare dei minuti è cresciuta la sicurezza degli azzurri. Anche il finale, che solitamente vede la squadra che deve recuperare rovesciarsi nella metà campo avversario, non ha creato più pericoli e emozioni forti. Oggi gli ospiti non sono riusciti a fare nemmeno questo, non avevano più forze e idee. La squadra azzurra è apparsa più organizzata, più fresca, insomma più in salute e concentrata. Ed ha finito con ancora energie disponibili, malgrado tutto il campionato ed i playoff disputati. Dall’altra parte i biancorossi del Vicenza, a parte le numerose assenze per squalifiche ed infortuni, ci sono apparsi stanchi, privi di scatto e visione di gioco. Faticavano nelle ripartenze e cercavano di costruire il gioco più lentamente e con poche idee. E dunque la Carrarese ha giocato meglio e vinto meritatamente. Poi in settimana avremo modo di tornare sull’argomento, sull’organizzazione e sul futuro. Ora vediamo tabellini e le principali azioni.
Carrarese (3-4-2-1): Bleve, Illanes, Di Gennaro, Imperiale, Zanon, (77 Belloni), Capezzi (46′ Della Latta)Schiavi, Cicconi, Palmieri (57′ Zuelli), Panico ( Giannetti), Finotto (88’Morosini). All Calabro.
LR Vicenza (3-4-2-1): Confente, Laezza, Cuomo (46′ Pellegrini) Sandon, Da Col, Talarico (64′ Delle Monache), Rossi (86′ Lattanzi), Greco, Costa, Della Morte, Ferrari (78′ Tronchia) All. Vecchi.
Rete: al 5′ Finotto.
Arbitro: Parri di Roma1.
L’inizio della gara mostra subito quale sarà il tema tattico, Carrarese in attacco con gran voglia della B. E al 5 minuto subito rete vantaggio-partita-SerieB con un gran colpo di testa di Finotto che finalizza in gol uncross preciso di Zanon. Poi al 40′ altra grande occasione di Finotto che solo tira sul portiere in uscita. Al 43′ una delle poche azioni ospite ma De Col non arriva alla deviazione ravvicinata. Nella ripresa girandola di cambi, al 66′ Delle Monache va via solitario ma è chiaramente in fuorigioco, poi solo Carrarese con Schiavi che al 76′ dal limite sfiora l’incrocio e al 83′ cross di Belloni e Giannetti di testa non trova la porta. Poi dopo 7 minuti di recupero il fischio per l’apoteosi.

Share.
Aldo Antola

Collaboratore Massa Carrara News

Leave A Reply

Exit mobile version
Back to Top