COMUNICATO STAMPA

Cambierà solo per questo incontro la location di Massa Picta, in programma venerdì 14 giugno alle 18,30, trasferendosi per l’occasione in Piazza Aranci. “Aspettando Spino Fiorito” avrà come protagonisti il vino dei colli del Candia, gli agrumi e le De.C.O. massesi e come sempre l’incontro sarà gestito e moderato in modalità talk show dal giornalista Fabrizio Dìola. Gli ospiti dell’incontro-dibattito di venerdì saranno Chiara Radicchi e Filippo Badiali che parleranno delle De.C.O. massesi; Luisa Pistelli, docente del dipartimento di farmacia dell’università di Pisa; con Aldo Fiorentini, contadino e custode, si parlerà di agrumi; Pier Paolo Lorieri, agricoltore e produttore di vino; Fabrizio Bondielli, presidente del consorzio del Vino di Candia dei Colli Apuani; Francesca Ferrari, presidente di Coldiretti Massa; Rossana Ercole Mellone, giornalista e Luisa Corsini, ideatrice di Spino Fiorito.

Dal 28 giugno al 6 settembre gli appuntamenti di Massa Picta torneranno nel parco rinnovato di Villa Rinchiostra, sempre alle 18,30.

Dopo il viaggio negli anni ‘80, con gli ospiti vj Rick Hutton, Clive Griffiths e lo chef Antonio Morelli con un notevole successo di pubblico, il secondo appuntamento sarà “Aspettando Spino Fiorito”, occasione per parlare di alcuni dei prodotti enogastronomici della tradizione apuana, come il vino di Candia, tanto caro a Giovanni Pascoli. Il vino dei colli del Candia ha infatti caratteristiche uniche grazie al microclima particolare del territorio per cui i colli godono della vicinanza al mare e della protezione delle Alpi Apuane che insieme ai terreni calcarei e ricchi di minerali contribuiscono a produrre tipologie di vini con proprietà organolettiche particolari. Altri protagonisti di “Aspettando Spino Fiorito” saranno gli agrumi, una tradizione agricola che si integra armoniosamente con le peculiarità enogastronomiche del territorio, tra cui anche la produzione dei vini dei Colli del Candia. Limoni, arance e cedri fanno parte della cultura gastronomica ma anche del paesaggio della provincia di Massa Carrara. Si parlerà poi di De.C.O. massesi, acronimo per Denominazione Comunale di Origine, cioè uno strumento adottato dall’amministrazione comunale per tutelare, valorizzare e promuovere i prodotti tipici locali. Si parlerà quindi di quei prodotti che hanno questa certificazione che ne attesta l’unicità e la tipicità. Tra i prodotti del territorio che sono stati iscritti nel registro De.C.O. troviamo: i tordelli fornesi, i tagliarin bergiolesi, la torta di riso, l’acqua Fonteviva, il limone massese, la pattona, i tordelli massesi, la lasagna intordellata, il ciorchiello delle Casette, la caciotta di Antona e il pane di San Carlo.

Al termine dell’incontro ci sarà una degustazione gratuita ad opera dell’Associazione Cuochi di Massa Carrara, anche quest’anno partner della rassegna cultural gastronomica.

Tra gli obiettivi di Massa Picta, manifestazione fortemente voluta e promossa dal Comune di Massa, c’è proprio la valorizzazione della storia e dei prodotti, nonché la volontà di raccontare e promuovere tutti i colori, gli aspetti e le particolarità di un territorio ricco di fregi e colori, come fosse dipinto con una tavolozza d’artista. Media partner di questa edizione è Radio Bruno.

Share.
Micol Giusti

Caporedattrice - Online Editor Massa Carrara News

Leave A Reply

Exit mobile version
Back to Top