Autore: Fiammetta Rossi

Logo

Collaboratrice Massa Carrara News

Il ritratto della settimana lo dedico a Rex Todhunter Stout (1886-1975) Oltre a essere stato il creatore dell’intramontabile Nero Wolfe, è stato anche colui che meglio riuscì a unire due generi letterari fino allora separati: il giallo d’azione americano, tipo hard boiled, e il giallo all’inglese, quello deduttivo e assai più intellettuale. Rex Stout era di origini modeste, suo padre faceva l’insegnante e la madre la casalinga. Tutta la famiglia era fermamente quacchera, ovvero pervasa da un austero protestantesimo che rifiutava tutti i vizi e le convenzioni mondane e sociali. Tra le convenzioni moderne doveva esserci anche la televisione dato…

Per saperne di più

Il ritratto di oggi è dedicato a Ada Negri (1870 – 1945) È stata una poetessa e scrittrice italiana e anche la prima (e unica) donna a essere ammessa all’Accademia d’Italia nel 1940. Di se stessa scriveva: «Io non ho nome. – Io son la rozza figlia dell’umida stamberga; Plebe triste e dannata è la mia famiglia, Ma un’indomita fiamma in me s’alberga.» E difatti era figlia di un vetturino, quindi della parola Umiltà conosceva il suo più vasto significato. Il padre morì alcolizzato che lei era ancora in fasce, così madre e figlia si trasferirono nella portineria di Casa…

Per saperne di più

Il ritratto di oggi è dedicato a Mary Shelley (1797- 1851) L’autrice del celeberrimo Frankenstein era una filosofa, sposata a un filosofo e figlia di un brillante filosofo, William Godwin. Una vita segnata, insomma. Anche sua madre, Mary Wollstonecraft non era da meno, basti pensare che era una convinta femminista de: Rivendicazione dei diritti della donna che nel 1792 fece fuoco e fiamme negli ardimentosi cuori dei rivoluzionari di mezza Europa financo nel Regno di Napoli. Purtroppo la donna morì dieci giorni dopo aver partorito, nondimeno l’infanzia di Mary fu molto felice. Il padre riversò tutto il suo affetto sulla…

Per saperne di più

Il ritratto di oggi lo dedico a Elizabeth Jane Howard (1923 – 2014) Bella, ricca, elegante e talentuosa. Che si può volere di più? In realtà non è tutto oro quello che luccica, l’autrice della saga dei Cazalet ebbe una vita segnata spesso dall’infelicità affettiva. Certo, essere infelici da ricchi è diverso che esserlo da poveri, chiedete pure conferma al principe Harry. La nostra nasce in una agiata famiglia londinese, suo padre – eroe di guerra – come hobby lavorava nell’azienda di famiglia (commerciava il legname), il vero lavoro, infatti, era sperperare denaro tra una partita a golf e una…

Per saperne di più

Il ritratto di oggi è dedicato a Ian Fleming (1908 – 1964), il padre letterario dell’agente segreto più famoso del mondo. Ci sono persone che nascono con la camicia, altre vengono al mondo con grande stile e direttamente in smoking. Ian Fleming appartiene alla seconda categoria. La sua famiglia era di nobili e antiche origini inglesi, il padre era un deputato dei Tory oltre che Ufficiale della Riserva e, per quella strana legge per cui piove sempre sul bagnato, era pure nipote di Robert Fleming, facoltoso banchiere scozzese che avrebbe fatto impallidire Paperon de Paperoni. Tuttavia anche i ricchi piangono:…

Per saperne di più

Il ritratto di oggi è dedicato a Carolina Invernizio (1851 – 1916). Fu una popolarissima scrittrice di racconti d’appendice dalle tinte forti, più scure che chiare. Quando pensate alle follie contorsionistiche di certi sceneggiatori di Hollywood capaci di far venire il mal di testa pure alle pasionarie di telenovelas, ebbene vi consiglio di prendere in mano uno dei romanzi della Invernizio. Nacque a Voghera, suo padre era funzionario del Re di Sardegna e quando, nel 1865, la capitale del Regno d’Italia divenne Firenze, la famiglia si trasferì in Toscana. Qui, Carolina e le sue due sorelle, frequentarono la scuole superiore.…

Per saperne di più

Il ritratto di oggi è dedicato a Harper Lee (1926 – 2016). Si può cambiare il mondo con un libro? La risposta è Sì. Non è cosa da tutti o da tutti i giorni, tuttavia, a volte, la letteratura ci fornisce esempi mirabili sulla potenza della parola. E quello di oggi ne è una prova inconfutabile. Harper Lee nasce a Monroeville in Alabama. Sono gli anni della segregazione e il Ku Klux Klan la fa da padrone. La famiglia è benestante e bianca. Considerato luogo e tempo, non era poco. Il padre di Harper è uno stimato avvocato e lei…

Per saperne di più

Il ritratto di oggi è dedicato a Primo Levi (1919-1987). Non ha certo bisogno di grandi presentazioni, egli è stato (ed è tuttora) una pietra miliare nella letteratura italiana. Attraverso i suoi memoriali fu uno dei primi a mostrarci il dramma e le conseguenze dell’Olocausto patito sulla sua stessa pelle. Nacque a Torino in una famiglia di ebrei colti e benestanti. Il nonno paterno era un ingegnere civile, suo padre un ingegnere elettrotecnico perennemente in viaggio per lavoro. Il nostro cresce attorniato da libri e dall’amore per la scienza. Fin da ragazzino sviluppò una gran passione per la chimica. Era…

Per saperne di più

Il ritratto della settimana lo dedico al grande (e riscoperto) John Fante (1909-1983). Scrittore e sceneggiatore statunitense di umilissime origini italiane. Infatti Fante era proprio figlio di quell’immigrazione povera ma piena di speranze di fine ‘800. I suoi libri sarebbero rimasti sconosciuti in Italia se non fossero stati tradotti da filantropi e mecenati come Pavese e Vittorini che, negli anni ’50, avevano le mani in pasta nella narrativa americana e un gran fiuto per il talento. E John Fante di talento ne aveva da vendere anche se i frutti del suo lavoro (leggasi quattrini) arrivarono postumi. Ma sarebbe rimasto sconosciuto…

Per saperne di più

Il ritratto di oggi lo dedico a Shirin ʿEbādi (1947). È ancora viva, nonostante tutto. Il nonostante tutto lo spiego subito: lei è un avvocato che combatte per la tutela della donna, premio Nobel per la pace nel 2003 e attivista per i diritti civili. In Iran. Basta? In una recente intervista, in cui commentava gli ultimi drammatici accadimenti del suo paese, ha dichiarato: Il mio Iran è un fuoco che covava sotto le ceneri. E le donne lo hanno acceso. È indubbio che la sua storia personale abbia coinciso con l’evoluzione del paese. Shirin nasce il 21 Giugno del…

Per saperne di più